archivio

lavoro

L’altro giorno mi han fatto il censimento telefonico istat per i laureati del 2011. Hanno chiamato per giorni senza avere risposta a causa degli orari sballati, è arrivata anche una lettera a casa che spiegava con i toni della disperazione che il censimento è obbligatorio ti prego rispondici. L’ha spuntata una ragazza che dalla voce direi fosse una coetanea. È occupata o disoccupata? Occupatissima. Qual è il suo impiego? Ne ho tre-quattro-cinque a seconda della settimana, ne scelgo uno? Eh sì. Allora ho scelto di raccontarle lo scrivere e temevo mi prendesse per una cialtrona. Alla fine invece risate, metaforiche pacche sulle spalle (con moderazione, che le telefonate c’è chi le ascolta) e spero di leggere un suo libro, e grazie buon lavoro, tra un’oretta attacco il turno di interviste pure io. Mi sono chiesta chissà poi lei cosa faceva, aveva fatto o voleva fare, ma per l’istat ancora non lavoro quindi posso solo provare a immaginarlo.

A parte questo mancano cinquantanove giorni a Pordenonelegge. Quest’anno ci sarò anch’io a presentare il romanzo in uscita imminente per nottetempo e avrò la fortuna di essere in compagnia di Mattia Signorini. Sul sito di Pordenonelegge scrivono che “Mattia Signorini e Ginevra Lamberti dialogheranno sulla letteratura che descrive il mondo di oggi, tra lavori precari e persone ferme ai margini, in attesa che arrivi qualcosa che li porti via, verso una direzione qualsiasi, prima che sia troppo tardi.”

Tutto questo per dire che presto si saprà anche la data e che quel giorno se fate un salto a pordenone a portarmi dei sali è meglio.

image

 

image

Annunci

Breaking news:
– l’altro giorno le persone se le chiamavi per le interviste telefoniche erano tutte sotto la doccia.
amici io ho capito che fa caldo, ma l’antico “non ci serve niente”, ve lo dico, suona meglio.
– molti squilli di fax ti foravano i timpani a tradimento.
amici, di grazia, perché avete il fax? R perché siete così tanti?
– alla domanda “posso farle un’intervista telefonica” la risposta “io ho un figlio che è maresciallo della finanza e fa tutto lui” devo ammetterlo, vince qualsiasi cosa.
– alle 2.oo ho inviato la terza revisione del romanzo. Scampata per un pelo la maledizione sumera grazie a un inaspettato rispetto delle scadenze, credo di aver rischiato di beccarmela comunque per l’eccesso di aggiunte-dell’ultimo-momento.

“In ultima analisi, ne deriva che le dimostrazioni di affetto nella regione Veneto sono complesse da decifrare, e quello che sembra un insieme di azioni barbare basate su usi di tipo tribale è in verità un insieme di azioni barbare basate su usi di tipo tribale.”

Due cose, la prima riguarda il babysitting.
L’altra mattina bambino-uno stava scrivendo cose su un libro-gioco di peppa pig. Gli dico qua ti chiedono di contare gli oggetti negli insiemi e di fianco scrivere il numero, così piccino lo sai già fare? // Sì sì, cioè dai, ti pare (“cioè dai ti pare” non l’ha detto sul serio ma il tono era quello, potrei giurarci). Procede con grande concentrazione e poi mi mostra il lavoro finito in cui la corrispondenza numeri arabi/simboli da lui associatigli è più o meno la seguente:

6/A – 3/E – 2/II – 4/Φ

Hai visto che lo sapevo fare? Bravissimo.
Il giorno dopo invece ero con bambino-due e bambino-tre. Bambino-due stava sul divano nella posizione del fiore di loto a occhi chiusi e produceva muggiti, gli chiedo cheffai? E lui sempre a occhi chiusi mi risponde medito. A quel punto bambino-tre interviene esclamando anch’io medico! E come un razzo corre a prendere la sua cassetta del pronto soccorso giocattolo. Tutto questo per dire che una volta ho sentito uno dire che i bambini sono gli unici veri punk e la trovo una tesi sempre più valida.

L’altra cosa è che oggi devo finire il secondo giro di editing sennò si abbatterà su di me un’antica maledizione sumera.

“(…) priva di una meta precisa, ho pensato di imboccare una via che si chiamava via Maestri del Lavoro e che per ovvie ragioni mi sembrava potesse essere di buon auspicio. In fondo a via Maestri del Lavoro il lavoro poi non l’ho trovato, ho trovato però la sede di un’agenzia interinale.”

 

L’altra mattina cioè poco fa, stavo tornando da un babysitting lidense ed ero una cosa a mezza via tra il sacco del compost e quello del secco non riciclabile. Boccheggiante entro in un supermercato e striscio alla cassa con un litro di naturale (un altro). Il cassiere forse temendo un collasso in diretta mi fa’ “ti g’ha caldo?”. Biascico parole chiave a caso tipo bambini-spiaggia-disidratazione-tempestadifuoco e tiro fuori cinquanta cent. Riflette un paio di secondi, poi mette via la mia acqua di marca ics, ne tira fuori da sotto alla casa un’altra di marca ypsilon e mi fa’ senti ciò prendi questa che è già pagata da tony e vai. Chi è tony? quando l’ha pagata? Perché l’ha lasciata lì? Non deve riprendersela? Molti quesiti affollano la mia mente offuscata, ma dallo sguardo improvvisamente teso del cassiere capisco che è ora di agire, ringraziare come se niente fosse e fuggire tra le porte scorrevoli. Poi per fingere che fosse stato merito del mio charme e non di un moto di pietà è bastato, sguardo basso, evitare di incappare nel riflesso di tutte le vetrine di lì a casa.

Dicevo che ho ricominciato con le interviste telefoniche, le interviste telefoniche sono quella cosa che tra l’ottanta per cento di tempo in cui il cervello va in automatico e il quindici per cento di quello in cui lo tieni proprio spento, ce n’è un cinque per cento residuo in cui riesci a individuare I Dinieghi Migliori (seguono esempi):

– Buonasera, sto cercando una donna tra i trenta e i cinquantaquattro anni..
– No guardi sto facendo i dolci e non posso proprio lasciare.

– Buonasera, sto cercando un uomo tra i trenta e i cinquantaquattro anni..
– Non ne ho.

– Buonasera, sto cercando una donna tra i trenta e i cinquantaquattro anni..
– Io ne tengo cinquanta, sono fuori tema.

L’altro giorno sono andata con la genitrice a stampare per lei la bozza primordiale -con tanto di refusi lasciati per pigrizia suprema- di questa cosa chiamata romanzo che mi balla tra i documenti da tempo. Gliel’ho dovuta stampare perché lei è tanto se l’abbiamo costretta ad avere un cellulare d’epoca. Perché io, dice, non voglio essere rintracciabile -e infatti litiga con quelli che parlano ad alta voce sui treni. È per caso il tuo ufficio? Dice-. Tutto questo solo per far presente che ha poi passato la mattina con i fogli stampati in mano a percularmi al bar, in banca, dal tabaccaio. Diceva vai in cassa gli dai questo e dici -pagherò-. E rideva tantissimo.

image

L’altro giorno, cioè ieri, ho postato un elemento vintage tratto da Inbassoadestra. Confrontando le chiavi di ricerca di allora con quelle di adesso ho poi constatato come l’interesse delle persone mediamente si sia spostato dalle creste punk e il Turkmenistan a “come uccidere una gallina”/”come uccidere un pollo”.

Ritenendo che questo sia un chiaro sintomo della crisi e del ritorno alla vita agreste faccio presente che io di mio, la crisi ho recentemente pensato di affrontarla lasciando un lavoro sicuro e re-incrementando le ore trascorse davanti ad uno o più schermi.

Chi a questo punto è portato a pensare che si tratti di un comportamento privo di logica dovrà convenire che è poco logico anche cercare di rianimare un blog laddove i blog evocano oramai paesaggi cimiteriali.

Tutto questo solo per dire che il blog ha anche una pagina facebook ( QUESTA ) e che sarebbe davvero carino da parte vostra farvi molestare anche lì apponendo un mi-piace .