bambini-spiaggia-disidratazione-tempestadifuoco

L’altra mattina cioè poco fa, stavo tornando da un babysitting lidense ed ero una cosa a mezza via tra il sacco del compost e quello del secco non riciclabile. Boccheggiante entro in un supermercato e striscio alla cassa con un litro di naturale (un altro). Il cassiere forse temendo un collasso in diretta mi fa’ “ti g’ha caldo?”. Biascico parole chiave a caso tipo bambini-spiaggia-disidratazione-tempestadifuoco e tiro fuori cinquanta cent. Riflette un paio di secondi, poi mette via la mia acqua di marca ics, ne tira fuori da sotto alla casa un’altra di marca ypsilon e mi fa’ senti ciò prendi questa che è già pagata da tony e vai. Chi è tony? quando l’ha pagata? Perché l’ha lasciata lì? Non deve riprendersela? Molti quesiti affollano la mia mente offuscata, ma dallo sguardo improvvisamente teso del cassiere capisco che è ora di agire, ringraziare come se niente fosse e fuggire tra le porte scorrevoli. Poi per fingere che fosse stato merito del mio charme e non di un moto di pietà è bastato, sguardo basso, evitare di incappare nel riflesso di tutte le vetrine di lì a casa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: