archivio

Archivio mensile:febbraio 2015

L’altro giorno sono andata con la genitrice a stampare per lei la bozza primordiale -con tanto di refusi lasciati per pigrizia suprema- di questa cosa chiamata romanzo che mi balla tra i documenti da tempo. Gliel’ho dovuta stampare perché lei è tanto se l’abbiamo costretta ad avere un cellulare d’epoca. Perché io, dice, non voglio essere rintracciabile -e infatti litiga con quelli che parlano ad alta voce sui treni. È per caso il tuo ufficio? Dice-. Tutto questo solo per far presente che ha poi passato la mattina con i fogli stampati in mano a percularmi al bar, in banca, dal tabaccaio. Diceva vai in cassa gli dai questo e dici -pagherò-. E rideva tantissimo.

image

Cent’anni di solitudine spiegato dal genitore si traduceva nella descrizione di due personaggi che, a posteriori, mi rendo conto fossero per lui i personaggi chiave. Diceva devi leggere Cent’anni di solitudine, ci sono Melquiades (che lui, ovviamente, pronunciava Melkuiàdés) che porta il ghiaccio, e Ursula, “che non può permettersi di morire perché deve occuparsi di tutti”.

Oggi dovevo uscire di casa per andare in edicola a prendere il primo numero di Scottecs Megazine, che poi sarebbe il primo numero del nuovo trimestrale fumettoso di Sio (non so se avete presente, quello che ha fatto i videii pieni di pupazzetti anche per gli Elii e Lo Stato Sociale). Dovevo uscire di casa per andare a prenderlo per due motivi principali, il primo è che Sio è bravo e bisogna tutti festeggiare questa cosa magica che esce nelle edicole, il secondo è che dentro a Scottecs Megazine c’è anche un mio racconto. Si intitola “I sentimenti dell’insalata” e contiene tracce di gatti.

Non sono poi uscita di casa e si presume non uscirò sino a domani poiché su Venezia si stanno scatenando gli elementi, anzi l’elemento acqua, che ci sta vessando da ogni lato sotto forma di esondazioni di canali, neve, e pioggia. E meno male, perché come viene spiegato QUI sarà in verità distribuito nelle edicole entro DOMANI, che è il 6 (SEI) febbraio. Il sei, peraltro, è un bellissimo numero.

10978698_10152973642735700_2474791062226076453_n