fil rouge

L’altra sera, cioè stasera, stavo guardando la Superstoria (che poi sarebbe uno di quei programmi che guardi con occhi lucidi pensando, sognando, che ti ci potrai rifugiare sentendoti al sicuro per sempre).

Comunque stavo guardando la Superstoria, speciale Sanremo, e ho capito una cosa.

Alla luce dell’ospitata di Michail Gorbačëv e consorte al Sanremo di Fazio, Dulbecco e Laetitia Casta (era il novantanove, e Dulbecco, totalmente incapace di capire la logica del cambio di telecamera, si apprestava a rischiare l’autocombustione del miocardio alla vista dei perizomi di Anna Oxa),

e alla luce dell’ospitata del Coro dell’Armata Rossa diretto da Toto Cutugno al Sanremo della coppia Fazio – Littizzetto (era il 2013, ve lo ricorderete perché c’era il Cile tra i giovani),

dati questi elementi, appare evidente come il filo rosso che  unisce i Festival condotti da Fazio è la pervicace ricerca di un sistema atto a demolire per sempre l’estetica socialista sovietica.

A ogni modo, io sono pronta.

image

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: