noi la pensavamo così

Una preferenza istintiva ci portava a leggere piuttosto che ad agire. Niente di strano se poi la nostra vita pratica fu più o meno un macello. Anche quelli di noi che riuscirono a farsi strada nelle intricate selve dell'”educazione superiore” con tutte le inevitabili flessioni di ginocchia – e altri organi – al sistema, furono alla fine vittime di scrupoli imposti dalla letteratura e non poterono reggere oltre. Finimmo con l’adattarci a strani mestieri, servili o pseudo-culturali – o a qualcosa di banale, come scolpire iscrizioni tombali, lavorare a un tavolo da disegno, tradurre testi tecnici, tenere libri contabili, rilegare libri, sviluppare radiografie. Di tanto in tanto qualcuno di noi spuntava sulla soglia dell’appartamento di qualcun altro, con una bottiglia in una mano, dolci o fiori o cibarie nell’altra, e passavamo la serata a parlare, spettegolare, sacramentare sull’idiozia di quelli in alto, a domandarsi chi di noi sarebbe morto per primo. E adesso devo smettere di usare il pronome “noi”.

[ “Fuga da Bisanzio” _ Iosif Brodskij _ Adelphi ]

Annunci
5 commenti
  1. Ylenia ha detto:

    Ti hanno pubblicizzata su Il venerdì di Repubblica, e hanno fatto bene.
    :)

      • Ylenia ha detto:

        Si possono inserire le foto come commento? Così ti mando l’articolo..

      • l’ho trovato! adesso provvedo con post a tema, grazie mille della segnalazione : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: