uno due tre biasio vien da te

Qua a Venezia c’è un campo che si chiama San Giacomo dell’Orio che è in una zona approssimativamente sita tra la stazione e non so cos’altro [lo specifico perché mi serve ad introdurre un concetto che riguarda il fatto che per i non nativi, a Venezia, c’è sempre un posto che anche dopo che hai familiarizzato con la geografia locale e anche dopo anni, è come un buco nero della coscienza che non impari mai a raggiungere senza perderti e sacramentare, e che il mio è San Giacomo dell’Orio]. Comunque, in questa zona c’è una riva, cioè una via che costeggia un canale, c’è una riva che si chiama Riva de Biasio, nome che riporta ad una storia risalente grossomodo al ‘cinquecento, epoca in cui ivi era sita la macelleria di Biasio, cioè di Biagio, cioè uno che a un certo punto hanno scoperto che ammazzava, macellava e vendeva al banco le persone [o come dice lo Zar, quello che faceva i tortini coi bambini]. Che poi [sempre come dice lo Zar], è come se tipo a Firenze ci fosse Largo Pacciani. Che era per dire che resto sempre un po’ sgomenta da questa anima becera della toponomastica lagunare che mette insieme senza ritegno carrettate di santi e madonne, il diavolo, la calle della morte, il sottoportego dell’anatomia e quello delle carampane, i mestieri, le mere indicazioni dei ruoli degli edifici e i killer seriali. Ma soprattutto per dire che anch’io vivo lungo una riva, e che qua sottocasa è giorni che c’è uno che lancia petardi.

Annunci
6 commenti
  1. Big Mama ha detto:

    attenta ai petardi, potresti essere il ripieno delle polpette di Renato.

  2. maria pia ha detto:

    sai che una volta in quel campo, intorno al ‘500 c’era una sala anatomica e si pagava per assistere ad un’ autopsia…
    ciao

    • no non lo sapevo! ma tipo poteva pagare e andare gente a caso??! grazie del contributo, che adesso è scattata la moda dei racconti bislacchi su venezia e non ne sono mai paga..

  3. Saul Acca ha detto:

    Ciao, son finito sul tuo blog grazie al Venerdì: studio russo e amo Venezia perciò me lo sto leggendo tutto, un post dopo l’altro… ho riso molto svariate volte (stimo tantissimo norman) e in generale mi ci trovo bene, quindi era il caso di commentare qualcosa.
    se di racconti su venezia non sei mai paga, lo sai quello di campo della bragora?
    http://www.vertebrataextincta.org/Site/index.php/progetto/archivio/106-morte-di-un-elefante-a-venezia

    • ma è una storia tremenda! non l’avevo mai sentita, grazie del contributo saul, e bentrovato [norman gongola e sogghigna in un angolo].

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: