archivio

Archivio mensile:giugno 2011

Prima ero là che scorrevo tutte delle cose, e mi è caduto l’occhio su un’offerta di stage rientrante nell’alveo delle offerte di stage che stanziano nel sito dell’università. Ivi si chiedeva all’ipotetico stagista del domani, tra le varie cose, un avvicinamento al mondo del golf. Il che portando avanti di qualche passo i concetti di stage, golf e avvicinamento, mi ha fatto immediatamente pensare a una mia amica che intanto che faceva uno stage in Giappone le era capitato di passare per la Thailandia e all’interno della Thailandia di finire in un posto con le signorine che sparano le palline da golf in modo fantasioso e una delle suddette palline alla mia amica, diceva, l’aveva quasi uccisa. Solo poi, ho pensato che in effetti non si trattava di palline da golf bensì di palline da ping-pong, che, ne converrete, sono nettamente più gestibili per peso e dimensione.

Sto scoprendo alcune cose, tipo che Treviso e Mestre si odiano tanto. Non so quantificare se più di quanto Mestre odi Venezia, ma penso sia una cosa di tipo di odio diverso, cioè la differenza tra Odio VS Odio e Odio VS Snobismo. Comunque questo sentimento di astio reciproco si esprime perlopiù per mano dei writerz che writerano sui muri i nomi della città avversa accompagnata dal sostantivo aggettivato [o apposizione, non saprei] merda. E allora io vorrei mettere fine a questa assurda faida e portare come argomento al tavolo delle trattative dei writerz che o fanno la pace o almeno che abbiano la grazia di piantarla di scrivere 3viso e Mes3.

 

Alla fine, mi sono anche rassegnata al fatto che in giro per Venezia e in generale per il mondo, gli anglofoni hanno tutte le logiche ragioni per battersene di imparare cose delle lingue altrui in quanto supremi detentori della lingua veicolare dell’epoca corrente. Dopodiché, se tu pensi che io capirò cosa vai cercando quando chiedi dov’è il  vàààporuero. Sbagli.