dili-dili trali-vali

Ad Arcinema [*spam*ogni martedì per i prossimi tre martedì al circolo Arci di Anzano si mangia si vedono i filmi*spam*], ad Arcinema ieri, tra le altre cose, si è visto lo spot del China Martini, quello del Carosello. Al che mi sono venuti in mente alcuni pregevoli esempi di Carosello russo-sovietico. Tipo Antoška, che è un bambino selvaggio con i capelli rossi, che non vuole lavorare per avere la sua zuppa, non ascolta gli altri bambini vestiti tutti uguali che lo chiamano e resta a scorrazzare in compagnia del suo amico corvaccio. Alla fine vorrebbe mangiare del lavoro altrui, ma resta a pancia vuota.  E’ un prodotto con chiari intenti educativi, o rieducativi che dirsivoglia, ma non è che puoi resistergli. Trrr-om-pòm-pòm. Trrr-om-pòm-pòm. Non ha resistito neanche Raffaella Carrà, o i suoi produttori, come dimostra questa esibizione dell’ ’81 che ho trovato per caso. Giuro.

 

[Antoška, Antoška, andiamo a raccogliere le patate                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Dili-dili  Trali-vali, noi non verremo, questo non ce lo farete fare                                                                                                                                                                                                                                                                             Antoška, Antoška, andiamo a suonare la fisarmonica                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Dili-dili  Trali-vali, noi non verremo, questo non ce lo farete fare                                                                                                                                                                                                                                                                                    Antoška, Antoška, prepara il cucchiaio per il pranzo                                                                                                                                                                                                                                                                                                               Dili-dili Trali-vali, fratellini, questo è difficile che lo rifiuti]

Annunci
6 commenti
  1. mattia ha detto:

    grazie del contributo

    comunque quel “dili dili” i fa venire in mente una canzone turca, di altro tenore comunque:

    le parole le traduco su richiesta e – soprattutto – dopo le pulizie.

    • ma che bella! le traduzioni sono sempre richieste in questa sede..e vedi di pulire bene le fughe delle piastrelle..

      • mattia ha detto:

        PIOVE SULLA ROCCIA

        Piove sulla roccia
        Matita sulle sopracciglia
        Il saluto arriva sul capo [espressione turca]

        Ah dili dili lingua d’uccello [dil=lingua, si gioca con le parole]
        Mi sono innamorato di te [qui per dire “uomo” si usa l’espressione “servo di Dio”, ma questo non significa necessariamente un richiamo religioso]
        Ah dili dili lingua d’uccello, ah

        Piove qui e là
        Su di noi una coperta di seta
        Se mi amerai, lo farai qui, ecco [per qui s’intende la parte del corpo che indica l’amante…]

        Ah dili dili lingua d’uccello
        Mi sono innamorato di te
        Ah dili dili lingua d’uccello, ah

        Piove qui e là
        Su di noi una coperta di corda
        Se mi bacerai, lo farai qui, ecco [vedi sopra]

        Ah dili dili lingua d’uccello
        Mi sono innamorato di te
        Ah dili dili lingua d’uccello, ah

        La pioggia diventa fango
        Le baklava diventano pastose
        Le belle ragazze diventano spose

        Ah dili dili lingua d’uccello
        Mi sono innamorato di te
        Ah dili dili lingua d’uccello, ah

  2. grazie!! una canzone d’ammòre che usa le baklava come metafora, è una canzone d’ammòre che merita la traduzione..

  3. petra ha detto:

    grazie! a entrambi :)
    bellissima la canzone turca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: