c’era anche un balletto

Una volta ero in cimitero quello qua della Valle degli Orti, e mi ha beccata una signora con un grosso neo sulla faccia che non ricordo mai come si chiama. Una gentile. Diceva che sua mamma e mia nonna erano molto amiche e ora si facevano compagnia.

A me questa cosa delle nonne che si fanno compagnia non mi fa tanto pensare alle nuvole e ai cori degli arcangeli, diciamo più a un meeting sulla ghiaia del camposanto, quando non c’è nessuno e si può stare in santa pace [oh-oh-oh].

Ma soprattutto mi fa pensare a una filastrocca che una maestra ci faceva cantare in prima-secondalementare, nei tempi morti [aaaah-ah-ah!].

 Era una notte pioveva a catinelle

io me ne andavo senza le bretelle

all’improvviso vidi un cimitero

com’era buio, oh, com’era nero

e saltellando così di tomba in tomba

vidi una bionda mamma mia che bionda

era il fantasma della zia Gioconda

che ripuliva la sua tomba nera e fonda

i vermicelli freschi di giornata, se li mangiava insieme all’insalata

[buco mnemonico]

questa canzone non ha significato

è come fare il vino col bucato

è come dire buonanotte al muro

come lavarsi i denti col cianuro

 

Annunci
14 commenti
  1. mansion ha detto:

    Dimmi che non è vera. Ho una figlia in età scolare.

    • ho appena verificato che si trova anche nell’internet, mi dispiace ma questo fuga i dubbi residui che possa essere un parto della mia mente..state attente, è pieno di maestre pazze là fuori!

  2. [c]* ha detto:

    “e il ragno nero re del cimitero [verbo mancante] come fosse un ragno vero”

    • mmmm..sicuro che non c’erano un gatto, o un corvo? o un gatto e un corvo?

  3. [c]* ha detto:

    si magari era un gatto e non un ragno. ma funziona anche col ragno.

  4. Giulio ha detto:

    noi la si cantava in parrocchia…

    Per me è
    “un gatto nero re del cimitero se ne stava lì come un gufo vero”

    Anche la prima assurdità era diversa
    “è come bere il vino congelato”

    oltre a varie parole qua e là :P

    • ma il vino congelato non è così nonsense! c’è da dire che ai tempi stavo in romagna, magari in veneto bere vino congelato pareva una roba impensabile..

  5. [c]* ha detto:

    ma secondo me ogni asilo ha le sue varianti, comecoltelefonosenzafili.

  6. mansion ha detto:

    Ci ho ripensato. In un soprassalto post-prandiale mi si è riproposta la sigla del film delle Winx. In che scuola insegna la tua maestra? forse faccio ancora in tempo a trasferire il ratto.

  7. ahahah..mi sa che si è pure pensionata, ma se ti servono canzuncelle macabre tipo di pipistrelli spiaccicati contro i tir ti mando dei video coreografati.

    [c]*, quello sicuro, l’importante è che nessuno abbia da eccepire sui vermi nell’insalata.

  8. mansion ha detto:

    Per ora la sto martellando con Boris the spider, ma nel caso chiedo.

    Nessun asilo eccepirebbe sui vermi nell’insalata, data la recente entrata in vigore del piatto unico nelle mense scolastiche.

  9. frà ha detto:

    e il gatto nero
    re del cimitero
    si rotolava come fosse un corvo vero..

    si, si canta tutt’ora alla materna
    ed è fra le preferite dei bimbi..
    pure il balletto non male

    • questo mi rincuora e mi da delle speranze per il futuro..oh sì, il balletto è splendido.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: