come i treni a vapore

Il fatto che alle genti dell’ovest che ci piace viaggiare piaccia tanto anche la Transiberiana, o anche solo l’idea stessa, della Transiberiana, è una cosa che i Russi, quando glielo dici, ti guardano con un impercettibile cambiamento di espressione facciale che tradotto in fisiognomica italiana significa compassione, perplessità, sbigottimento a tratti.

L’altro giorno che son scesa in treno, ero su uno di quei soliti ex interregionali malamente travestiti da intercity con un sistema di scritte fatte coi trasferelli. Ero là in uno scompartimento con una coppia di signori della campagna campana, una napoletana verace, una ragazza umbra molto paziente, e un’altra ragazza a sua volta napoletana che, sapendo cosa ci aspettava, s’era incastonata sul finestrino con l’ipod a tuttovolume e la faccia emo-minacciosa.

Allora questa signora napoletana verace parla degli stereotipi di quanto son sbagliati e diseducativi, che siamo tutti d’accordo, e intanto tira fuori le sporte e offre il caffè a tutti e poi va in bagno a fumare una sigaretta che insomma poi di questi tempi se non fumo le sigarette di contrabbando non ci arrivo a fine mese [Ragazza emo alza volume].

Poi iniziano a coinvolgerci nel discorso e il signore della campagna campana accusa me e l’umbra paziente che se c’è la crisi economico-finanziaria mondiale è colpa delle donne che lavorano e rubano il lavoro agli uomini [Ragazza emo si spalma su finestrino].

Poi le signore indignate si schierano con noi e poi concordano fra di loro chepperò degli immigrati noi non ne vogliamo sapere [Ragazza emo forma dei cappi con le cuffiette].

Alla fine i tre iniziano a insultarsi a vicenda perché voi della campagna siete selvaggi e scimuniti e voi di Napoli siete arroganti e scippate le ‘bborse. [Tutte insieme ci guardiamo sperando in selezione naturale e auto-annullamento del problema].

Poi peccarità, è stato divertente pure, però comunque sulla Transiberiana quella vera, in terza classe, c’era meno casino.

Annunci
3 commenti
  1. Signor Mistero ha detto:

    I trasferelli. Già.
    Fa ridere perché è vero.

  2. Roberto ha detto:

    Ciao
    Sono capitato davvero a casaccio qui cercando blog su Russia e co.
    Ma aspetta, tu sei del LICEM Venezia??? russopersiano o qualcosa del genere? Sono Roberto, non so se hai idea di chi sono, russoarmeno al licem. Ho un vago ricordo di te e una dispensa per un esame di Masoero, mozhet byt’? Mi sono perso per ore a leggere i post, a volte sono quasi morto dalle risate! Ho ritrovato un sacco di storielle da Armenia (marshrutke, cibi dei supermercati ecc.) Grande! Mi segno il blog tra i preferiti!

    • Roberto!! konechna mozhet byt’!!! l’ultima volta che ci siamo incrociati a cà cappello stavi per partire per l’armenia! se ti va scrivimi com’è andata che son curiosissima della transcaucasia, c’è l’email del blog inbassoadestra@gmail.com!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: