in caso di sinistro l’assicurato deve prendere immediatamente contatto con l’animadelimortaccisua

A un certo punto è successo che dovevo andare da un medico, e però volevo fare anche le cose per bene. Allora prendo la mia assicurazione sanitaria, che è pinzata sul libretto delle istruzioni dell’assicurazione sanitaria, sul retro del quale c’è un numero scritto bello in grande e cerchiato e sottolineato di suo pugno dalla tizia dell’agenziaturisticacovenzionata che me l’ha fatta, l’assicurazione sanitaria.

Dice, qualsiasi cosa medica devi fare, chiama prima. Che loro ti dicono dove-come-cosa è meglio, e poi ti rimborsano.

Allora, se uno è lì che non sta tanto bene e non è tanto concentrato, succede magari che prende il telefono, fa il numero, e dopo aver parlato con la centralinista co.co.boh. che non sa un cazzo e ti mette in attesa con le quattro stagioni di sottofondo, gli cade la linea.

Perché, se uno è in salcazzistan che sta male, la cosa più ovvia da fare è dargli da chiamare un numero fisso in Italia. Per le emergenze.

Che poi i tuoi kurator giustamente mica lo sanno come funziona la tua assicurazione, però ti fanno tu intanto portala in ambulatorio. Infatti tu la porti e gli dici, guardate avevo questa urgenza che poi dovevo chiamare, ma non ci son riuscita che il numero è a pagamento, e non ho fissi da cui chiamare su due piedi. Sì e poi comunque l’assicurazione è perfettamente inutile che ve la rigirate, che tanto è scritto tutto in italiano. Ditemi quanto viene e facciamola finita. E te è perfettamente inutile che t’inalberi che mica è colpa mia se sono studentessa paraculata e ti fanno i gesti loschi che aqquella la pago poco e atte ti pago niente.

Mi ha detto poi la Devuška, mm, da qualche parte però dev’esserci un numero verde. Se è da-qualche-parte, misterioso luogo geografico in cui devo andarlo a cercare nel momento del bisogno, me ne frega veramente poco. Il numero verde lo voglio lì sul cazzo di retro del libretto di istruzioni dove sta pinzata la mia assicurazione sanitaria.

Dice, dico, stupida te che invece di fare la svarzella che uuh-uuuh vado in Russia cento anni, dovevi tassativamente notare subito questa cosa e chiederne conto. Sì sì, dovevo.

Ciò non spegne la mia sete di stracazzo di numero verde sul retro del libretto bla bla blaaa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: