i maschi disegnati sui metrò confondono le linee di mirò

Non mi stancherò mai di ribadire che qua le signorine, la mattina quando si svegliano e devono decidere come vestirsi, fanno delle cose che noi comuni mortali non possiamo neanche vagamente immaginare. Men che meno la mattina appena svegli.

Gli uomini no. Loro fanno gli inversamente proporzionali con le scarpe orribilissime, i giubbotti tutti neri, i berretti tutti neri, tutti neri in generale.

All’inizio mi sembravano una massa indistinta di teppisti, poi ho capito che erano più che altro tamarri senza fantasia. Che a vederli quando si accompagnano alle signorine splendide splendenti che ci hanno messo le ore per trasformarsi in Renato Zero ’75, dici più o meno, madiomio.

Insomma l’altro giorno c’era questa specie di concertino degli studenti kazachi in vista del nouruz, il capodanno musulmano, che poi cade il 21 marzo.
Niente da segnalare, a parte che le ragazze kazache vanno pazze pazze pazze per il toulle e l’organza con la cucitura all’inglese, e che il tizio davanti a me era La Caricatura di quanto enunciato quassopra.

Annunci
3 commenti
  1. matti ha detto:

    ma quindi astrakhan è il luogo da consigliare a chi dice “ah, non ci sono più i maschi di una volta!”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: