suglisuglibanebane

Sottotitolo: non capisco una madonna.

Lunedì, il primo di una lunga serie. In questa fase di adattamento sono seguita, anzi, seguo passo passo un angelo custode che, in quanto tale, mi difende a spada tratta dalle leggi dell’evoluzionismo.

Mi ritrovai così alla facoltà di lingue straniere, dipartimento di studi orientali, a decidere le sorti del mio piano di studi. A un lato del tavolo delle trattative due iraniani, all’altro due russe, in mezzo, io. Ho cercato di fabbricarmi una sagoma a forma di cespuglio con dei mezzi di fortuna (matite, penne, pezzi di sedia, pezzi di moquette), ma non ha funzionato.

Lunedì, guardandomi intorno ho capito cosa mi servirà per integrarmi, degli stivali col tacco. Sì vabbè dai, anche imparare il russo. Ma a parte quello, oh, gli stivali col tacco sono fondamentali..non ne ho mai voluto un paio e dopo due giorni qua li desideravo ardentemente. Sono ovunque, li hanno tutte, di tipi assurdi, orribili, mediocri, fighissimi. Sempre, anche per fare la spesa. All’università il loro tacchettare si propaga nello spazio cosmico, esplode e torna indietro nella tua testa sotto forma di desiderio-di-stivalata-da-paura.

Che poi, guardando me e loro, ho capito anche che va bene fare le fighe, ma è pure un sistema rodato per salvarsi dalla presenza molesta e pervasiva del fango. Altro che stivali da pioggia. Trampoli.



Annunci
3 commenti
  1. palombs ha detto:

    io quoto la stivalata e esigo una foto. fango?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: